Semiologia dello spazio

La semiologia dello spazio è una disciplina che copre sia la semiologia nel senso ampio del termine sia l’ urbanistica sia in teoria che in pratica. La semiologia come definita da Ferdinand de Saussure è “la scienza che studia la vita dei segni nella vita sociale”. Si applica quindi non solo al linguaggio e alla linguistica ma anche all’arte, all’immagine, all’architettura e al design concepiti come linguaggi.

La semiologia dello spazio si basa sul principio di una saturazione dello spazio urbano con significanti che possono essere letti come linguaggio e quindi come portatore di significato.

Leggi la città

Se consideriamo l’urbanistica molto più che un regolamento o un insieme di tecniche di pianificazione del territorio, è possibile leggere la città (nel senso del logos ) nella sua forma, nel suo funzionamento e nella sua simbolica. La città delle origini si scrive, ad esempio, come simbolo di un ideale (il cerchio / sacro o il quadrato / profano) che sarebbe vivere insieme, uguali e diversi. Questo progetto – politico – si traduce poi in un cerchio diviso o in un quadrato diviso – spazio delimitato – in quattro parti uguali: i quartieri. Questa divisione in quattro da un cardo e un decumano conduce a quattro porte orientate sui quattro punti cardinali, simbolo – l’ ecumene per Augustin Berque – che collega l’umanità o il progetto degli uomini alla distesa terrestre o la inserisce in una prospettiva o in un divino progetto che trascende il lavoro degli uomini dandogli significato. Troviamo questo elemento simbolico quasi universale anche nella disposizione normativa dei piani urbani in Cina e Giappone ed ereditato dalla filosofia di Zou Yan .

Una semiologia dello spazio è composta sia da una grammatica che da un vocabolario nel senso sviluppato ad esempio da René Pechère (1909-2002) nel suo Grammaire des jardins . Lo spazio costruito o lo spazio in cui interviene l’uomo è saturo di significati. Tuttavia, gli studi e ancor più l’insegnamento di questa disciplina sono rari. Uno dei testi fondanti di questo approccio è senza dubbio quello di Françoise Choay dal titolo Semiology and town planning del 1969. Tra i contributi allo sviluppo di un approccio semiologico allo spazio, possiamo citare il lavoro e il corso di Gobindo Chaudury presso la School of Architettura di Paris-La Villette sull’architettura sacra. È in questo campo dell’architettura sacra che troviamo gli archetipi simbolici più studiati, possiamo però completare questi studi dell’Espace Langage Architecture di Karim Daoudi in cui troviamo una panoramica della grammatica, della sintassi e del vocabolario dell’Architettura.

Lo sviluppo dell’intero spazio urbano con un quadro che prende in prestito da varie culture è stato inaugurato da Alexandros Lagopoulos. La semiologia dello spazio si applica anche alle storie fondanti e ai miti delle città, nonché ai riti di fondazione e di dedicazione. Nell’antichità disegnare la pianta di una città non era un atto insignificante in quanto con questo atto di creazione l’uomo poteva competere con gli dei, quindi era consigliabile porre la città sotto la protezione delle divinità custodi dopo alcuni sacrifici e preghiere. I romani che fondarono numerosi stabilimenti in tutta Europa facevano redigere i loro piani sul terreno da geometri che usavano la groma , geometri anche sacerdoti.

Archivi

L’analisi semiologica delle città fa riferimento a una cultura, anche a un contesto storico, anche se spesso si fa uso di elementi simbolici largamente universali.

Per comprendere il quadro di riferimento occidentale che si basa sulla Bibbia, dobbiamo fare riferimento al lavoro di Jacques Ellul e alla sua opera fondatrice Sans feu ni lieu (senza fede o legge) che analizza l’intero discorso biblico sulla grande città, quello che sarà castigato al momento del giudizio divino. La città, non appena l’uomo uscirà dal Giardino dell’Eden, sarebbe l’unica prospettiva data all’uomo per raggiungere la propria umanità predisponendo le stesse condizioni di alterità, di apertura agli altri, radicalmente diverso da sé come il François -Analisi di Xavier Tassel. In questo sarebbe “civilizzare”, la parola stessa evoca la Città – civis in latino. In questa prospettiva, insomma, ciò che viene promesso all’Uomo non è il ritorno a un Giardino dell’Eden, un Paradiso, ma a una città, una città ideale che è Dio: la Gerusalemme celeste citata nell’ultimo capitolo dell’Apocalisse di Giovanni che chiude la Bibbia nel canone cristiano. Sant’Agostino d’Ippona evoca già l’antagonismo di queste due città nella sua voluminosa opera La città di Dio . In una visione indubbiamente più ottimista, Jean-Bernard Racine , professore all’Istituto di geografia di Losanna, estende le prime analisi di Jacques Ellul. Questa affermazione della città, concepita come una sfida per l’uomo nella sua ricerca di umanità, ci permette di rileggere in modo diverso i grandi miti fondanti della città come quello di Babele.

L’approccio semiologico della città non si limita ai modelli occidentali. Va fatto riferimento in particolare al lavoro di Augustin Berque e in particolare al suo lavoro sulle città giapponesi. Ad esempio, l’asse nord-sud non si apre a nord su una porta, ma conduce al palazzo dell’imperatore, a cavallo della città e all’esterno. In effetti, lì simboleggia la sua natura di “traghettatore” che articola due mondi: il mondo terrestre e il mondo celeste; è dio sulla terra o rappresentante di dio sulla terra. Il palazzo posto a nord fa riferimento alla stella polare, allora sinonimo di punto di riferimento immateriale. Il piano di Changan costruito sotto la dinastia Tang dal 618, ad esempio, è ispirato alla filosofia Zou.

Applicazioni

L’approccio semiotico alla pianificazione urbana a nuove prospettive aperte per l’analisi dei fenomeni urbani come meno antiche case nel sud-ovest della Francia, un unico e originale sviluppato tra il xii °  secolo e xiv °  secolo. Così, in particolare attraverso la costituzione della piazza centrale e le sue modalità di accesso per angoli (gli angoli), possiamo vedere l’espressione di un nuovo modo di organizzazione sociale, economica e politica di una società influenzata dai Catari e che è restio a mettere al centro i simboli del potere secolare e religioso. Il vuoto appare allora come l’elemento che consente la costituzione di una società locale su basi egualitarie. Il vuoto appare così come elemento significante e costitutivo della città. Questo è qualcosa in comune con l’approccio dell’Estremo Oriente alla città.

La città contemporanea ha conservato gran parte degli elementi derivanti dalla sua costituzione come dalla sua evoluzione, anche se oggi il significato è andato perduto. Certi progetti contemporanei riprendono, nella scrittura della città o di un quartiere, elementi simbolici che segnano così la disposizione dello spazio per dargli un significato che, anche qui, va oltre le sole esigenze funzionali come Auroville . Gli assi, le prospettive, gli spazi pubblici, i monumenti … sono tanti significanti che è quindi necessario interpretare nel contesto odierno senza limitarne il significato, essendo spesso ambivalente l’analisi simbolica. È Augustin Becque a ricordare che “il legame sociale non può prescindere dal senso (…) da qui la necessità che, per la loro stessa materialità, le forme della città abbiano un significato che fonda il sociale” .

La semiologia o semiotica dello spazio permette di descrivere la ricchezza dei fenomeni legati a un oggetto complesso come lo “spazio” di una città, quello di un percorso simbolico, di un paesaggio, di un gruppo di città. In interazione o anche di un agglomerato urbano come tentano i geografi nel quadro di analisi interdisciplinari.

Riferimenti

Libri usati per scrivere questo articolo:

  1. ^ Tassel François-Xavier, On the stakes of the urban limit , Revue Arts et science n o  5, University of Bordeaux, Ed. Confluences, Bordeaux, 1998.
  2.  Berque Augustine Ecomène – introduzione agli ambienti umani, Ed Belin, Parigi, 1987 ..
  3. ↑ Città dell’Asia , I quaderni della ricerca architettonica n ° 35/36, Ed. Parenthèses, Parigi, 1995.
  4. ^ René Pechère, Grammaire des jardins: Secrets de métiers , Éditions Racine, 1987 (rieditato nel 2002) ISBN  978-2-8738-6280-0 )
  5.  Collettivo, Le sens de la ville , Seuil, Parigi 1972, tradotto dal significato inglese in architettura .
  6.  Chaudury Gobindo, Architettura sacra , Scuola di architettura di Parigi-La Villette, Cours dattiloscritto e riprodotto, 1993-94.
  7.  Tarot Camille, Il simbolico e il sacro, Ed. Discovery, Parigi, 2008
  8.  Lagopoulos Alexandros, Urbanism and siemiotics in pre-industrial society , Ed. Anthropos, Paris, 1995.
  9.  Segaud Marion, Antropologia dello spazio: abitare, fondare, distribuire, trasformare , A. Colin, Parigi, 2007.
  10. ^ Pelletier André, L’urbanisme romain sous l’Empire , Picard, Paris, 2000, ISBN  2708400681 ) .
  11.  Ellul Jacques, Senza fuoco né luogo: significato biblico della grande città , Gallimard, Parigi, 1975.
  12. ^ Tassel François-Xavier, La città, simbolismo e crogiolo dell’umanità, Cahiers Villard de Honnecourt n °  63, Parigi, 2006
  13. ^ Racine Jean-Bernard, La città tra Dio e gli uomini , Anthropos-Economica, Parigi, 1992.
  14.  Tassel Francis Xavier, Babel, a chance for men , associazione Cahiers Friends of Roger Girard n o  4, Ed. Télètes, Parigi, 2009 ISBN  978-2-906031-70-8 ) .
  15.  Louis, Babel basket : una dinamica di differenza – Fusion? Dispersione? Articolazione? in Dynamics of the city – Essays in the semiotics of space , L’Harmattan, Paris, 2007, ISBN  978-2-296-03877-6 ) .
  16. ^ Berque Augustin, Luoghi di pensiero, forme di città , Revue Daruma, 1998-3, Ed. Picquier, Parigi, 1998.
  17. ^ Berque Augustin, Du Geste à la cité. Forme urbane e legame sociale in Giappone , Ed. Gallimard, Parigi, 1993.
  18.  Collettivo, Cina, Office du Livre, Friburgo, 1970
  19.  Tassel Francis Xavier, the houses or the pursuit of the celeste Jerusalem , the Cahiers Association of Friends of Roger Girard n o  4, Ed. Télètes, Paris, 2009.
  20.  Barthes Roland, L’impero dei segni, centro, centro vuoto , Seuil / Points-Essais, Parigi, 2005.
  21.  Thiberge Claude, The hollow city ‘, Ed. Du Linteau, Paris, 2002.
  22. ^ Cheng François, Vuoto e pieno , Soglia / punti di prova, Parigi, 1991.
  23. ↑ Alleau René , La scienza dei simboli , Payot-Bibliothèque scientifique, Parigi, 1976-1996.
  24. ↑ Luoghi di pensiero, forme di città , op. cit.
  25.  Marcos Isabel (sotto la direzione di), Dynamiques de l’Espace – Essais de semiotique de l’Espace , L’Harmattan, Paris, 2007, ISBN  978-2-296-03877-6 ) .

Fonte: https://it.frwiki.wiki/wiki/S%C3%A9miologie_de_l%27espace



Categorie:C30- [SEMIOTICA DELLO SPAZIO ARCHITETTONICO - SEMIOTICS OF ARCHITECTURAL SPACE]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

IASS-AIS

International Association for Semiotic Studies - Association Internationale de Sémiotique

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

STORIA DELLE IDEE E DELLA CULTURA - HISTORY OF IDEAS AND CULTURE

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

FILOSOFIA COMPARATA- ORIENTE/OCCIDENTE

Comparative Philosophy – East / West

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

SEMIOTIC PAPERS - LETTERE SEMIOTICHE

La ricerca in semiotica e Filosofia del linguaggio - Research in Semiotics and Philosophy of Language

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS ONLINE MUSIC JOURNAL

Materiali per la musica moderna e contemporanea - Contemporary Music Materials

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

LA LETTERATURA COME ORGANISMO - LITERATURE AS AN ORGANISM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: